Steve Jobs lascia il timone di Apple !

Doveva arrivare, lo sapevamo. Doveva arrivare quel giorno in cui avrebbero prevalso le ragioni personali su quella che, per Jobs, è stata la creazione di maggiore successo di tutti i tempi. Steve ha lasciato, e lo ha fatto, come al suo solito, con una accorata lettera rivolta a tutti coloro che lo hanno affiancato in questi decenni di grandi successi (ma anche di fallimenti clamorosi) nella “sua” Apple Inc.

Riportiamo qui la lettera che in pochissimi minuti ha fatto il giro del mondo e mi scuso in anticipo se dovessero essere presenti degli errori di traduzione:

da Steve Jobs:

“Ho sempre detto che se mai fosse arrivato un giorno in cui non avrei potuto onorare i miei compiti e le aspettative come CEO di Apple, sarei stato il primo a farvelo sapere. Sfortunatamente questo giorno è arrivato.

Do le mi dimissioni come CEO di Apple. Vorrei essere utile, se il Consiglio di Amministazione lo ritiene appropriato, come presidente del Consiglio, membro dello stesso ed impiegato Apple. Per il futuro, raccomando fortemente che sia dia luogo al piano di successione e alla nomina di Tim Cook come CEO di Apple.

Credo che i giorni più luminosi e più innovativi di Apple stiano ancora per arrivare e guardo al futuro nella speranza di assistere e contribuire al suo successo in una nuova posizione.

Ho avuto alcuni tra i migliori amici della mia vita in Apple e grazie a voi tutti per i tanti anni in cui sono riuscito a lavorare al vostro fianco.

Steve ”

E’, comunque, notizia certa che durante la (nostra) notte Steve è stato nominato presidente del C.d.A. e che la successione di Tim Cook è stata già ratificata.

La speranza, come sempre, è che la salute di Jobs possa migliorare e possa consentirgli, ancora per molti anni, di regalare al mondo i prodotti del suo genio, prodotti che, come tutti ormai sappiamo, hanno davvero rivoluzionato il mondo…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.