Pathways: Un Nuovo Programma di “Addestramento” per i Dipendenti degli Apple Store

La scorsa notte, negli Apple Store statunitensi, si sono tenute le riunioni trimestrali con i dipendenti. Queste riunioni rivelano raramente delle novità per i consumatori, ma sono più che altro riunioni interne di gestione. Secondo diverse fonti accreditate gli incontri di questa notte si sono concentrati sui numeri e sui risultati degli Apple Store. Ma è stato annunciato anche un nuovo programma di addestramento del personale, non sappiamo i dettagli di questo nuovo programma, però 9to5Mac è riuscito ad estrapolare alcune chicche:

  • Il nome di questo nuovo programma di addestramento è “Pathways”
  • I manager ritengono di essere molto soddisfatti di questo programma e pensano che questo fornirà una nuova esperienza di vendita sia per i lavoratori che per i consumatori.
  • Il nuovo programma dovrebbe comprendere nuove figure all’interno dell’App Store, in modo da poter dare possibilità di carriera ai dipendenti. (cosa che manca negli Apple Store, dove non è facile carriera poichè non esistono tante posizioni sopra quelle di impiegato standard).
  • Secondo questo programma i nuovi assunti saranno considerati in prova durante tutti il primo anno di lavoro.
  • Questo programma non riguarderà soltanto i nuovi assunti, ma anche i vecchi dipendenti dovranno seguirlo.
  • Pathways è fatto per concentrarsi tre volte di più sul core training solitamente eseguito, concentrandosi sui prodotti, sulla soddisfazione del cliente e sulle caratteristiche dello Store.
  • Inoltre gli Apple Store avranno un nuovo impiegato deputato alla gestione proprio del training.
Ricordiamo quest’anno il direttore della sezione retail di Apple è cambiato, e queste possiamo dire che siano le prime novità della nuova gestione Browett. Tra i piani di Browett c’era anche un programma di rialzo dei salari, che sta già vedendo la luce in questi mesi.

Se volete sapere di più sulla condizione di lavoro dei dipendenti degli Apple Store, potete leggere questo recente articolo tratto da un dettagliatissimo report stilato in questi giorni dal New York Times.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.