Microsoft Paga Apple per Utilizzare Alcuni dei Suoi Brevetti

Immagine gentilmente offerta da GamenGuide

Dalla lotta epica che sta avvenendo in aula tra Apple e Samsung sono venuti fuori aspetti molto interessanti riguardo i prodotti e non solo. In questo periodo sono venute fuori delle interessanti novità che riguardano Apple e Microsoft.

Come sapete alla base dell’enorme causa tra Apple e Samsung ci sono diverse violazioni di brevetti riguardanti il design che Samsung avrebbe copiato ad Apple. Ma se andiamo ad osservare alcuni dei prodotti di Microsoft, come il Surface, notiamo che il design di questo prodotto è molto simile a quello dell’iPad, allora come mai Apple non sta intentando cause milionarie anche contro Microsoft?

Secondo questo interessante report di Reuters, Microsoft non viola alcun brevetto, e la scelta di un design simile a quello dei prodotti Apple è assolutamente legale per la società fondata da Bill Gates.

Quello che è venuto fuori è che Apple e Microsoft hanno in realtà degli accordi di cross-license per moltissimi brevetti, tra cui a quanto pare quelli riguardante il design dei prodotti, di conseguenza l’accordo firmato dalle due società impedisce ad Apple di intentare causa.

Secondo il direttore dei brevetti Boris Teksler, Apple e Microsoft stanno discutendo anche di un nuovo accordo sui brevetti riguardanti il design di iOS. Questo significa che Microsoft paga Apple per poter utilizzare alcuni aspetti del design dei loro prodotti. Generalmente questo tipo di accordi si fanno ricevendo una percentuale sulle vendite, questo vuol dire che Apple prende una percentuale per ogni prodotto, in questo caso il Surface, venduto. Non sappiamo quanto sia alta questa percentuale e quanto Microsoft paghi l’utilizzo di questi brevetti, ma questa è una notizia sicuramente molto interessante!

La linea principale auspicata per la risoluzione dei conflitti tra Apple e Samsung è infatti il raggiungimento di accordi simili a quelli vigenti tra le due società americane, ma Samsung fino ad adesso ha respinto ogni proposta di Apple.

Leave a Reply