iTunes U

Chiudendo il cerchio delle novità presentate all’educational conference di New York, ci resta da presentare la nuova applicazione per iOS 5: iTunes U.

Come molti sanno iTunes U esiste già adesso come sezione podcast gratuita dell’iTunes Store dedicata alle università, dove l’utente può trovare e scaricare materiale didattico messo a disposizione dall’università stessa. Questa piattaforma è risultata molto utile per molti importanti atenei (americani e non) che hanno avuto la possibilità di catalogare e rendere disponibile per i propri studenti: lezioni, slide, test interattivi, moduli e ogni altro tipo di materiale didattico digitale che prima di allora passava di mano in mano in maniera confusa e incontrollata tra gli studenti.

Dal giorno del suo lancio ad oggi, questa piattaforma, conta più di 1000 università che in tutto il mondo usano già iTunes U, registrando più di 700.000.000 di download.

È stata proprio questa grande diffusione e il grande consenso a spingere la società a creare un’applicazione dedicata ad iTunes U. Questa nuova App permette agli insegnanti (tramite il web-tool iTunes U Course Manager) di creare dei veri e proprio corsi online, comprensivi di lezioni, compiti, libri, quiz e programmi di studio che possono essere resi accessibili a tutti o soltanto agli studenti del corso, a discrezione dell’insegnante.

iTunes U è già disponibile per il download direttamente nell’App Store.

 

Al termine di questo articolo concedetemi di rivolgervi qualche domanda:

Perchè, nonostante la presenza di strumenti gratuiti e utili come questo, le università italiane sono ancora restie nell’utilizzarli?

Forse non sanno neanche l’esistenza di strumenti del genere?

O quale altra spiegazione?

Influisce questo atteggiamento dei nostri atenei nell’alimentare il gap tecnologico che ci separa dall’eccellenza americana?

Se avete voglia di esprimere la vostra opinione su questi argomenti potete lasciare un commento qui sotto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.