Relazioni high-tech: Apple/Samsung? già avviate le pratiche di divorzio

Apple vs. SamsungApple incrementa sempre più gli acquisti di memoria flash da fornitori giapponesi nel tentativo di ridimensionare la sua dipendenza da Samsung. Voci di corridoio infatti mormorano che l’azienda di Cupertino abbia aumentato i suoi acquisti di DRAM e flash NAND dal Giappone (secondo fonti del settore), aggiungendo che Toshiba e Elpida Memory sono stati individuati come beneficiari degli appalti”. (Digitimes)

Nondimeno a ciò la scorsa settimana è trapelata la notizia che Apple  ha stipulato un accordo con la Taiwan Semiconductor Manufactoring Co. per quanto riguarda la produzione delle prossime due generazioni di processori; l’accordo è stato visto come un duro colpo per la Samsung Electronics  che ha l’appalto di produrre i chip A4 e A5 utilizzati per alimentare i dispositivi di Apple iOS. La Apple è diventata ,negli ultimi anni, la più grande consumatrice mondiale di chip di memoria in quanto incorpora flash memory all’interno dei suoi prodotti; dal conto suo, Samsung vanta il 40% del mercato nella produzione di DRAM a livello mondiale e il 30% nella produzione di NAND flash.

Oramai non è una novità sentire che Apple e Samsung, da tempo partner commerciali, si ritrovano sopratutto ad essere avversari sul mercato. Questa rivalità negli anni ha dato vita ad aspri conflitti giudiziari nati proprio in seguito all’esponenziale crescita economica delle due aziende. La denuncia inizialmente era partita da Apple con l’accusa di plagio per aver copiato i dispositivi portatili della mela (iPhone, iPad e iPod touch) sopratutto per quanto riguarda design, progetto, confezionamento e interfaccia utente andando così incontro alla violazione di marchi registrati e brevetti; ovviamente Samsung non ha esitato a rispondere con una controdenuncia presentata in diversi paesi.

Entrambe le parti non sembrano intenzionate a trovare un accordo a riguardo; si pensa infatti che la partnership fra i due colossi della tecnologia sia arrivata ad un punto di rottura e che prima o poi assisteremo ad un brusco divorzio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.