ABC: Le Telecamere di Nightline Entrano a Foxconn [VIDEO]

Come promesso vi riportiamo le notizie scaturite dal servizio prodotto dalla ABC su Foxconn, andato in onda ieri notte durante il Nightline Show.

Come abbiamo detto si tratta della prima volta in cui viene permesso alle telecamere di entrare a Foxconn, quindi è la prima volta che ci è permesso di vedere le catene di montaggio e gli operai che producono i nostri amati device Apple.

Purtroppo la versione integrale del servizio non è disponibile sul sito della ABC, poichè l’emittente americana rende visibile il documentario soltanto a chi si connette dagli USA.

In ogni caso abbiamo raggruppato per voi i punti nodali della questione, sintetizzando gli argomenti più importanti che sono scaturiti da questa visita all’interno di Foxconn:

  • Ci vogliono 141 passaggi per fabbricare un iPhone, e i device sono praticamente assemblati a mano uno per uno.
  • Ci vogliono 5 giorni e 325 mani per fabbricare un singolo iPad.
  • Foxconn produce 300.000 iPad al giorno.
  • I dipendenti lavorano per 12 ore filate e pagano per mangiare in mensa 0.70$ a pasto.
  • I lavoratori che dormono nei dormitori vivono in 6 o in 8 per stanza, e pagano un affitto mensile di 17.50$.
  • Sono pagati in media 1.78$ all’ora.
  • I nuovi assunti devono affrontare tre giorni di esercizio e “team building” prima di iniziare effettivamente a lavorare.
  • Gli ispettori della FLA hanno colto l’occasione per vedere come i dipendenti reagiscono alla visita di giornalisti.
  • Apple ha speso 250.000$ per entrare a far parte del programma della FLA e sta pagando anche le ispezioni.

Il caso Apple-Foxconn ha fatto tanto scalpore perchè la società di cupertino è la società più importante del mondo, ma se veramente si vuole cambiare qualcosa si dovrebbe pensare alle migliaia di dipendenti cinesi impiegati nelle fabbriche tessili, manifatturiere, ecc. ecc. Quelli infatti vivono in condizioni sicuramente peggiori dei dipendenti di Foxconn e sono totalmente ignorati dai media, sono fantasmi di cui nessuno parlerà mai. Il problema della manodopera “sfruttata” è un problema nazionale per la Cina, e per altro è il solo vantaggio competitivo del mercato cinese. Personalmente penso che il governo cinese sia indirizzato nel mantenere questa situazione a proprio vantaggio, poichè questo è l’unico modo per attirare investimenti stranieri sul territorio.

Qui di seguito vi riportiamo due interviste della ABC-News realizzate con Bill Weir, il giornalista che è entrato a Foxconn con le sue telecamere. Vengono mostrati i punti fondamentali del servizio, con tanto di immagini all’interno della fabbrica e nei dormitori aziendali. Quello che traspare sono condizioni lavorative molto al di sotto degli standard occidentali, però non al di sotto degli standard cinesi:

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.