Mac App Store: Cosa Sta Succedendo?

Il mercato delle “App”, ovvero delle applicazioni, è un mercato che va davvero forte. Se ne è accorta Apple, prima con l’iPhone e successivamente con l’iPad, e se ne sono accorti anche i rivali di Android creando il loro Android Market, ma come sempre Apple vuole andare avanti e vede già un nuovo mercato dedicato alle applicazioni: il Mac App Store, che sarà operativo fra meno di novanta giorni.

Ebbene sì, entro tre mesi dovrebbe aprire ufficialmente un negozio online dedicato alla applicazioni per i nostri Mac, e gli sviluppatori sono già stati invitati ad entrare all’interno dello store: avranno una vetrina utilissima per vendere le loro applicazioni e saranno decisamente meno soggetti ai problemi della pirateria.

Ma per entrare nello Store, una applicazione deve sottostare ad alcune regole:

  1. Mac Distribution Certificates: è il certificato che si ottiene grazie alla “Developer Certificate Utility”;
  2. Id Applicazione: attraverso la Developer Certificate Utility si ottiene l’App ID che è il codice dell’applicazione presente nel nuovo Mac App Store;
  3. Mac Signing Certificates: è il certificato con il quale si ottiene una autorizzazione per l’invio dell’applicazione sviluppata al team dedicato all’approvazione delle nuove applicazioni;
  4. App Approvata? Eh sì, anche qui le nostre applicazioni devono essere approvate prima di entrare a far parte dello store, e dunque vietati contenuti offensivi, giochi volgari o porno e tutto ciò di cui già si è vietato l’inserimento all’interno del classico App Store;
  5. Remunerazione: Una volta superati tutti gli “esami” l’applicazione entra di diritto nello store ed allo sviluppatore viene riconosciuto il 70% su ogni vendita (ovviamente se l’applicazione è gratuita allo sviluppatore non verrà riconosciuto nulla.

Tutte le applicazioni possono anche essere vendute al di fuori del Mac App Store senza alcun problema, almeno da ciò che è trapelato fino ad oggi.

Ma facendo una analisi più approfondita si scopre che ovviamente il Mac App Store non è solo un luogo dove molti piccoli sviluppatori potranno farsi conoscere, ma è anche uno strumento validissimo per vendere le stesse applicazioni sviluppate da Apple: sarà infatti possibile acquistare singole applicazioni o suite icomplete: Pages di iWork ad esempio, o magari solamente iPhoto: ogni applicazione avrà il suo costo a sè e si potrà comprare esattamente come compriamo le app per i nostri device oggi.

Ancora una volta, a quanto pare, la parola d’ordine in casa Apple è “Comprare” e “Vendere ai clienti”.

Cosa ne pensi di questa novità? Per gli sviluppatori è possibile entrare nella pagina dedicata tramite il link “Mac App Store Developers

Leave a Reply